Briciole

Ti trovi qui:Home/Dischi in vinile/Visualizza articoli per tag: Ghirardini Ermes

Logo bambu

 

Cartellone musicale di inizio estate degli Amici della Musica che si ispira alla grande FESTA DELLA MUSICA che da decenni si svolge in diverse città europee durante l’estate a partire dal 21 giugno.
Ma perché noi lo abbiamo denominato BAMBÚ? È presto spiegato: dopo il recente trasferimento nell’estate del 2013 nell’attuale sede di Villalta, ospiti della Fondazione Cjase dai Furlans pal mont, molto tempo è stato dedicato ai lavori nel parco, in stato di abbandono, e le canne di bambù che avevano infestato circa 3000 metri quadrati di parco ci hanno impegnato non poco! È stato però un lavoro dai forti richiami musicali! Questo legno, infatti, grazie alle sue caratteristiche è stato impiegato fin dall’antichità per la costruzione di flauti e di ance destinate a far vibrare l’aria in diversi strumenti a fiato.
Il programma che proponiamo vuole interessare persone di tutte le età ma particolare attenzione viene rivolta, come nostra consuetudine, ai più giovani. Diverse infatti sono le proposte a loro dedicate: oltre ai momenti prettamente musicali di Biking with music e Kind of rock ci saranno anche giochi e attività sportive. Altro motivo conduttore delle nostre proposte musicali è il coinvolgimento degli insegnanti della nostra Scuola di Musica: dal venerdì sera con il Ballo di Alvio & Elena alla domenica sera con il Gruppo “344” che ci presenta un’ interessante reinterpretazione della musica dei Beatles. Importante anche la presenza delle formazioni di Musica d’assieme degli Amici della Musica, quali il Rione Tamburi, il Gruppo d’Archi, il Gruppo Fiati e il Coro “Croma col punto”, che testimoniano il lavoro svolto durante l’anno scolastico appena concluso. Ospiti graditi il sabato sera la giovane Big Band “Camillo e i Cooperativi” e la domenica a pranzo la Banda giovanile di Pradamano che perseguono le stesse finalità dei nostri gruppi musicali: far suonare insieme grandi e piccoli per favorire l’apprendimento musicale attraverso un coinvolgimento globale.
Buon ascolto e buon divertimento!

27 settembre 2014 - Concerto di apertura

Sabato 27 settembre ha ufficialmente preso il via il nuovo anno scolastico degli Amici della Musica con l’ormai tradizionale Concerto di Apertura. L’evento svoltosi nella Sala Vittoria di Fagagna ha visto come protagonisti il Gruppo Strumentale “Santa Margherita” e il coro “Croma col punto”.

Per l’occasione, ad affiancare i coristi della nostra scuola, c’erano alcuni componenti del “Pradamano Gospel Choir” la cui direttrice, la maestra Erica Paravan, è insegnante della nostra scuola nonché membro del Gruppo Strumentale.

All’interno del Gruppo Strumentale, a fianco dei ragazzi più giovani, siedono da sempre alcuni dei loro insegnanti, a sottolineare lo spirito con cui l’Associazione opera nei confronti dei bambini.

Gruppo strumentale Rione tamburi

 Il Centro Culturale "Amici della Musica" opera sul territorio da oltre trent'anni e dal mese di settembre 2013 è ospite della Fondazione Cjase dai Furlans pal Mont nei locali di Villa Orgnani a Villalta di Fagagna.

L'attività principale vede l'organizzazione e la gestione di corsi di musica sia per bambini che per adulti. A completamento dell'azione pedagogica organizza concerti, manifestazioni musicali, spettacoli, corsi di formazione e aggiornamento, incontri con artisti, musicologi...
Da sempre rivolge una particolare attenzione ai gruppi di musica d'assieme, considerando tale attività fondamentale per una crescita musicale ed umana.

Il Gruppo strumentale "Santa Margherita" ne è la più concreta testimonianza poiché fin dalla fondazione (1982) rappresenta musicalmente l'Associazione.
Da alcuni anni il Centro Culturale "Amici della Musica" è rappresentato anche dal gruppo di percussionisti "Rione Tamburi" diretto dal maestro Ermes Ghirardini. Il gruppo prende il nome dal quartiere Rione tamburi di Taranto; questo era attraversato dall'acquedotto del Triglio, di epoca romana, che portava l'acqua potabile alla città di Taranto ed emetteva un gorgoglio simile ad un rullio di tamburi. Il quartiere oggi è invece diventato il simbolo dell'inquinamento e degli effetti dell'ILVA: scegliendo questo nome il gruppo percussionisti ha voluto esprimere solidarietà agli operai dello stabilimento, vittime della triste situazione che si è venuta a creare negli anni.

 

rione tamburi